Uno degli aspetti più emozionanti di cui si discute durante l’organizzazione di un matrimonio è senza ombra di dubbio anche quello del viaggio di nozze. Spesso è qui che iniziano i veri e propri conflitti matrimoniali: natura o metropoli? Restare in Europa o approfittarne per fare un viaggio intercontinentale? Non è assolutamente facile trovare un punto di incontro, specialmente quando i gusti sono piuttosto divergenti. C’è però una meta per il viaggio di nozze che, solitamente, mette tutti d’accordo: il Messico. Organizzare un viaggio di nozze in Messico spesso rappresenta infatti il compromesso ideale tra chi cerca una vacanza all’insegna dell’avventura nella natura e chi resta affascinato dalle grandi costruzioni ad opera dell’uomo. Ecco i motivi per cui dovreste prendere in considerazione il Messico per il vostro viaggio di nozze:

Viaggio di nozze in Messico: dove andare?

Una delle mete senza ombra di dubbio più gettonate riguarda la zona di Tulum (Quintana Roo). In questa zona sorgono una grande quantità di resort, spesso riservati a ospiti esclusivamente maggiorenni proprio per garantire il massimo relax e la massima attenzione alle coppie. Se questa parte è dedicata perlopiù (ma non esclusivamente) a un pubblico di origine europea, la zona più a nord, verso Playa del Carmen, è tipicamente più frequentata da una clientela statunitense. Assumendo che scegliate uno dei tanti resort presenti su questo tratto di costa messicana, quindi, vediamo le principali attrazioni che potrebbero interessarvi.

Chichen Itzà

Non si può non partire da una delle sette meraviglie del mondo moderno, ovvero la piramide maya e l’intero sito archeologico di Chichén Itzá, che occupa una superficie di ben 3 km². Qui infatti sorgeva un’intera città, una delle principali di tutta l’area, la cui esistenza è stata stimata nel periodo tra il VI e l’XI secolo. Ogni centimetro è assolutamente imperdibile, ma tra le strutture più degne di nota, oltre alla famosa piramide detta El Castillo che vi riempirà gli occhi e il cuore, troviamo il Caracol, l’osservatorio astronomico, il Tempio dei guerrieri e uno spazio che, si suppone, fungesse come campo per il gioco della pelota.

Il modo migliore per scoprire questo meraviglioso sito archeologico è certamente tramite una visita guidata, in cui la guida saprà raccontarvi tutti i segreti. Per quanto riguarda il momento migliore, anche se difficilmente avrete modo di soffermarvi tutto il giorno, è certamente durante l’equinozio di primavera o di autunno. In questi particolari giorni, infatti, il sole che tramonta sulle scale a gradoni del Castillo riproduce la sagoma di un serpente (animale venerato nella cultura Maya) che scende sinuoso.

I cenote

I cenote sono delle grotte calcaree la cui peculiarità sono le classiche aperture a livello del terreno, a strapiombo nell’acqua sottostante. Per accedervi gli esploratori hanno scavato delle gallerie fornite di scale. In altri casi vi dovrete calare con apposite corde e imbracature. Nella cultura Maya queste grotte era particolarmente importanti poiché rappresentavano dei punti di contatto tra gli umani e le divinità del loro pantheon. Durante le esplorazioni sono stati infatti rinvenuti oggetti preziosi e resti di sacrifici, anche umani.

Flora e fauna

Ci sarebbe ancora moltissimo da dire su ciò che vale la pena vedere e sperimentare in Messico, oltre alla meravigliosa cultura, la tequila, la cucina messicana e tutto ciò che potreste visitare durante una delle tante escursioni spesso organizzate dagli stessi resort. Il consiglio, però, è quello di avventurarvi il più possibile nella natura. Una delle esperienze più emozionanti che potete provare in Messico è certamente quella di nuotare con le tartarughe o nuotare con le balene, ma anche esplorare la giungla a bordo di un quad. Per chi invece ama la “civiltà” moderna, come detto Playa del Carmen è una delle località più apprezzate dai giovani e da tutte le persone in cerca di divertimento: lunghissime strade ricolme di negozi di tutti i tipi, pub (come Hooters) e discoteche, tra cui la famosissima discoteca Coco Bongo, dove è stato girato The Mask.