I popcorn caramellati sono molto amati sia dagli adulti che dai più piccoli. Sono lo snack perfetto per le serate in famiglia davanti ad un buon film, per i pomeriggi piovosi, quando l’umidità opprime e la voglia si merende croccanti aumenta, e anche per le feste tra bimbi. In questo articolo, vedremo come si preparano, con quali ingredienti e in quanto tempo. Vogliamo rassicurarvi subito che si tratta di una merenda molto rapida da fare e poco impegnativa. Quindi, è perfetta per le occasioni in cui serve un dolcetto da servire all’ultimo minuto e con pochissimo preavviso. Comunque, dato che solo pochi la conoscono e molti la sottovalutano, vedremo anche la storia dei popcorn e capiremo come sono giunti sulle tavole (e nei cinema) di tutto il mondo.

Popcorn caramellati: la ricetta

Per fare i popcorn caramellati, tutto ciò che serve è:

  • una pentola con bordi alti e un coperchio adatto (oppure un microonde da cucina);
  • un pentolino;
  • 200 grammi di zucchero;
  • 20 grammi di burro;
  • 100 ml di acqua;
  • chicchi di mais, un normale confezione del supermercato;
  • 1 cucchiaio di olio di semi di girasole;
  • un foglio di carta da forno (o un’altra superficie liscia e omogenea su cui stendere i popcorn).

Con queste cose, è possibile iniziare la preparazione della merenda. Per prima cosa si deve far scaldare l’olio nella pentola dai bordi alti. Quando questo è caldo, occorre versarvi i chicchi di mais. Questi chicchi devono restare nella pentola con il coperchio finché non saranno scoppiati tutti. Non occorrerà molto tempo, ma circa una decina di minuti. Può capitare che non tutti i chicchi scoppino; in questo caso, è bene fare molta attenzione a che non si brucino i chicchi già scoppiati, mentre attendiamo gli ultimi. Comunque, per evitare che i chicchi restino chiusi, è possibile usare il microonde al posto della pentola sul fuoco. Di solito, nel microonde, tutti i chicchi scoppiano meglio e nessuno resta chiuso.

Conclusa la cottura del mais, occorre lasciare che i popcorn si raffreddino. Nel mentre, è utile fare il caramello. Basta mettere in una pentolina su fiamma bassa l’acqua e lo zucchero e mescolare finché non diventano un composto di colore ambrato. Quando avranno assunto questa colorazione, basterà aggiungere il burro a pezzi e mescolare di nuovo, finché non sarà sciolto. Fatto anche questo passaggio, non resta che mettere il caramello sui popcorn e poi stendere tutto sulla carta da forno, per permettere al caramello di bagnare tutti i popcorn.

Breve storia dei popcorn

I popcorn sono arrivati sulle nostre tavole a partire dal 1945. In quell’anno infatti, si è diffuso il microonde da cucina, che ha permesso a tutti di prepararli da soli in casa. Comunque, prima di allora, nel 1893, essi erano divenuti famosi per via di una macchina a vapore che permetteva di cuocerli in fretta. Questa macchina però non era economica e per questo non aveva avuto una grandissima diffusione.

Sebbene i popcorn si siano diffusi in tutto il mondo solo dopo queste invenzioni, la loro storia è molto antica e probabilmente millenaria. I primi documenti storici che parlano di questa pietanza risalgono agli anni delle esplorazioni del continente americano. L’esploratore Cortes fu il primo a descrivere la preparazione di chicchi di mais, che lui definì “strano grano”, sul fuoco, finché non scoppiavano rivelando un fiore bianco. Si trattava probabilmente dei popcorn che venivano regolarmente consumati dalle popolazioni indigene locali.

Oggi, questi piccoli fiori bianchi al sapore del mais sono perfetti sia dolci che salati. Sembrano non stufare mai nessuno e sono ottimi per le feste dei bambini, per le quali si possono preparare anche dei burger deliziosi secondo la nostra ricetta.