L’Italia è da sempre considerata la culla della civiltà, un paese ricco, colorato, vitale, nel quale si fondono e si sposano culture e stili diversi.

Facendo un salto attraverso le principali città, da nord a sud, è possibile osservare il modo in cui le cittadine cambiano tra loro pur mantenendo qualche elemento che le accomuna e le rende tutte delle bellissime città italiane.

“Italiano” è un aggettivo con quale si possono descrivere molte cose: la moda italiana, l’arte italiana, la cucina italiana hanno tutte qualcosa che le contraddistingue e le rende così uniche agli occhi degli stranieri.

Anche l’arredamento in questo settore ha delle peculiarità basate sul bisogno degli italiani di far collimare la necessità con il gusto, per creare qualcosa che possa essere utile ma allo stesso tempo bello da vedere.

Non sono pochi gli esempi di vere e proprie opere architettoniche che si sposano bene con l’ambiente circostanze, come la facciata di un antico palazzo ma anche le statue, le fontanelle in piazza o le panchine di un parco.

Cos’è l’arredo urbano

Con questo termine intendiamo tutta la serie di interventi che vengono messi in atto nella città per i cittadini.

Nel momento in cui si pensa a un progetto, già dalle prime fasi viene preso in considerazione l’arredo urbano.

Esso infatti svolge un ruolo estetico ma anche sociale: piazze e parchi possono essere un nuovo punto di ritrovo e un nuovo centro creativo per gli abitanti circostanti.

L’arredo urbano però non si inserisce soltanto in un contesto progettuale: talvolta è la chiave di svolta per il recupero di territori che stanno andando in rovina e finirebbero con l’essere abbandonate.

I prodotti più utilizzati per l’arredo urbano

In Italia da sempre si è data molta importanza alla componente artistica e sociale di una città.

La costruzione o il recupero di un’area prevedere diversi elementi: sicuramente tra quelli essenziali ci sono l’illuminazione pubblica, assestamento del manto stradale, tombini, segnaletica stradale ma anche la creazione di zone verdi con alberi e fiori, recinzioni, panchine, fontane, cestini porta rifiuti o nello specifico giochi per bambini, per gli animali o per praticare sport.

Scegliere i pezzi di arredo urbano non è semplice e non è molto economico, inoltre bisogna badare all’ambiente circostante, preferendo uno stile più classico, più rustico o talvolta più moderno a seconda del contesto.

Tra gli esempi più significativi spicca un elemento che è nato negli ultimi anni: la panchina smart.

Le panchine sono tra gli elementi più comuni che ritroviamo in tutte le città e possono essere solo un accessorio o un buon luogo per riposarsi, chiacchierare e godere di un panorama o della frescura di un albero.

La tecnologia ha messo anche qui il suo zampino e ha trasformato una semplice panchina in qualcosa di ancora più innovativo: si può ricaricare ad esempio la batteria del proprio cellulare, oppure sono dotate di un supporto per la connessione Wi-Fi e quindi navigare in internet in tutta comodità

Non sono ancora molto diffuse ma già diverse aziende hanno avviato questo progetto per modernizzare le aree relax con il buon auspicio che presto tutti i cittadini possono avere ambienti comodi e agibili per trascorrere qualche minuto in tutta tranquillità.