Il tema delle quote rosa e della massiccia rappresentanza femminile sul lavoro è uno di quelli maggiormente dibattuti negli ultimi tempi. Non c’è settore, ormai, in cui la presenza femminile non sia in rapido aumento e ciò è dettato da un mero fattore meritocratico oltre che da disposizioni precise che impongono in alcuni settori di rispettare determinate quote rose.

Anche l’azienda siciliana non esula da questa logica e oltre a migliorare il proprio servizio e ampliare il numero delle tratte e dei collegamenti, sta aumentando sempre più la presenza femminile nei propri uffici. Puoi trovare maggiori informazioni su www.luigicozzatrasporti.it così come le news riguardanti lo staff e il CEO della Luigi Cozza Trasporti, ovvero la dottoressa Anna Cacciaguerra. L’aumento delle donne ha riguardato in particolar modo il settore amministrativo e della governance aziendale dove, su 70 dipendenti, la metà sono donne.

L’orientamento verso l’impiego femminile nel settore della mobilità era iniziato già nel 2009 quando l’azienda catanese di trasporti assunse la prima donna nella propria flotta di autisti. Questa tendenza ha preso poi piede nell’ultimo decennio ed attualmente è sempre meno strano vedere una donna alla guida di un camion: le quote rosa riguardanti il settore dell’autotrasporto in Italia sono passate dall’1,6% del 2018 al 2,1% nel 2019, dati che si traducono in un aumento del personale da 10mila a 14mila unità.

Le ragioni di questo orientamento antesignano verso le quote rosa nasce, alla base, della competenza dei soggetti in questione che prescinde dal genere di appartenenza. Gli uffici dislocati in tutta Italia della Luigi Cozza Trasporti sono composti da un ambiente di lavoro assolutamente eterogeneo, altamente qualificato e che garantisca la massima efficienza in ogni mansione.

La compagnia di trasporti catanese si dimostra all’avanguardia non solo relativamente alle quote rose ma per quanto riguarda le assunzioni in generale. In un periodo in cui la disoccupazione e la crisi aumentano, la Luigi Cozza segnala una crescita del 67,3 % rispetto al 2017 che si ripercuote non solo nell’aspetto economico ma anche nella crescita dei dipendenti in un triennio, passati da 257 a 430.

Luigi Cozza Trasporti e un trend in continuo aumento

In Italia, per ogni donna alla guida di un autoarticolato ci sono quasi 100 uomini al volante di un camion. Le quote rosa dell’autotrasporto italiano contano meno di 15mila conduttrici di veicoli pesanti e questa percentuale di poco superiore al 2% mostra un dislivello ancora preoccupante tra i due sessi. Il tasso di disparità di genere è il più alto tra quelli presi in esame dal decreto del ministero del Lavoro che incentiva l’assunzione di donne nei settori ancora fortemente dominati dall’occupazione maschile. La disparità, però, non è solo relativa alle aziende del Belpaese ma trova la stessa tendenza anche negli altri grandi Paesi europei.

Ecco perché assume ancora più valore la tendenza verso l’aumento delle quote rosa applicato dalla Luigi Cozza Trasporti che dimostra di avere una certa lungimiranza che sta dando i suoi frutti in termini di crescita di fatturato e di aumento della mole del lavoro.

Il servizio si è recentemente allargato a diversi Paesi d’Europa come ad esempio Malta, la Spagna e la Grecia fino a spingersi sino ad alcune nazioni africane come Tunisia e Marocco. La novità più recente è rappresentata dal collegamento con la Germania, servita dalla nuova tratta Venezia Duisburg che renderà più fluido lo scambio di merci tra i due Paesi.

Per concludere bisogna citare anche l’enorme sforzo profuso dalla Luigi Cozza Trasporti durante i momenti di difficoltà collettiva e personale che sta vivendo il nostro Paese a causa della pandemia. Durante la prima fase della diffusione del Virus, sono stati messi a disposizione i magazzini dell’azienda per lo stoccaggio e l’approvvigionamento di dispositivi medici e alimentari destinati alla lotta alla pandemia.

Durante le festività, inoltre, sono state organizzate delle distribuzioni di alimenti e giocattoli nel quartiere catanese di Civita e tutti coloro che sono stati colpiti duramente dalla pandemia hanno potuto approfittare della generosità della ditta diretta da Luigi Cozza.