Il Giappone intende aumentare il suo pessimo tasso di natalità finanziando programmi di intelligenza artificiale che aiutino i suoi cittadini a trovare l’amore.

A partire dal prossimo anno, sovvenzionerà le istituzioni locali che stanno già eseguendo o preparando progetti che utilizzano questo tipo di tecnologia per aiutare le persone a trovare un partner.

Il numero di bambini nati in Giappone nell’ultimo anno è stato inferiore a 865.000, il che rappresenta un calo record del tasso di natalità specie se paragonato con gli anni precedenti.

Questa nazione sempre più “vecchia” è alla ricerca di strategie vincenti per invertire uno dei tassi di fertilità più bassi al mondo.

Aumentare l’uso dell’intelligenza artificiale è uno dei suoi ultimi tentativi.

Il governo prevede di stanziare 2 miliardi di yen, l’equivalente di 19 milioni di dollari, presso le autorità locali per aumentare il tasso di natalità, così come ha riferito l’agenzia di stampa AFP.

Intelligenza artificiale per trovare un partner

Molti offrono già servizi di matchmaking per trovare l’anima gemella, gestiti da persone, e alcuni hanno introdotto vari sistemi di intelligenza artificiale nella speranza che eseguano un’analisi più sofisticata delle forme con cui gli utenti inviano i propri dati.

Alcuni dei sistemi esistenti si limitano a considerare criteri quali reddito ed età e forniscono un risultato positivo solo se esiste una corrispondenza esatta.

I media locali riferiscono che il finanziamento ha lo scopo di consentire alle autorità di abilitare sistemi più costosi e avanzati che tengano conto di fattori come hobby e valori personali.

Si sta pianificando in particolare di offrire sussidi ai governi locali che gestiscono o promuovono progetti di matchmaking che utilizzino l’intelligenza artificiale sperando che questo sostegno aiuti concretamente e a breve termine a invertire il declino del tasso di natalità della nazione.

Il tempo però stringe: si prevede che la popolazione del Giappone diminuirà da 128 milioni di persone nel 2017 (il suo picco) a meno di 53 milioni alla fine del secolo. Un calo impressionante che diminuirà di oltre la metà la popolazione totale.

I leader politici stanno cercando di garantire che la forza lavoro assunta del paese possa far fronte ai crescenti costi dello stato sociale.

Sachiko Horiguchi, antropologa socioculturale presso la Japan Temple University, ritiene che ci siano modi migliori per il governo di aumentare il tasso di natalità piuttosto che sovvenzionare il matchmaking con l’intelligenza artificiale, uno di questi è aiutare i giovani che guadagnano salari bassi e che non possono permettersi di mettere su una famiglia per i costi elevati che comporterebbe mantenerla.

La ricercatrice ha indicato un recente rapporto dove suggerisce un legame tra bassi livelli di reddito e perdita di interesse nelle relazioni sentimentali tra i giovani adulti giapponesi.

Partner esperto o meno? Le giapponesi dicono la loro in un sondaggio |  AnimeClick

Pressione sulle donne

Un’ altra delle tante proposte arrivate sui tavoli di governo giapponesi per risolvere questa delicata situazione riguarda un uso alternativo della tecnologia.

C’è chi propone, se proprio dobbiamo fare affidamento sulla tecnologia, che potrebbe essere più efficace fornire robot che si occupino dei lavori domestici o dell’assistenza all’infanzia.

Gli specialisti hanno da tempo sottolineato un’altra concausa legata alla mancanza di sostegno alle madri che lavorano in Giappone, una società che tradizionalmente si aspettava che le donne facessero tutte le faccende domestiche, crescessero i figli e facessero anche il loro lavoro.

Il governo ha assicurato di voler incoraggiare più donne a lavorare a tempo pieno ma il divario di genere si è ampliato negli ultimi anni.

Il Giappone si è classificato al 121 ° posto su 153 paesi in un rapporto sull’uguaglianza di genere del Forum economico mondiale nel 2019, in calo di 11 posizioni rispetto all’anno precedente.

Qualunque situazione venga adottata, bisogna assolutamente questo combattere drastico calo della popolazione e sicuramente la tecnologia, in qualunque modo venga utilizzata, potrà essere fondamentale in ciò.