Se sei alla ricerca di una nuova occupazione o il tuo lavoro non ti soddisfa, puoi verificare eventuali concorsi e offerte di lavoro che possano soddisfare le tue aspettative tra le varie posizione aperte proposte dalle aziende in cerca di personale.

La prima cosa da fare è tenere costantemente sotto controllo, tra le varie offerte di lavoro, tutti i lavori e concorsi ai quali puoi candidarti. Per l’assunzione a tempo indeterminato e determinato nella Pubblica Amministrazione, Ministeri e Difesa la selezione è sicuramente più complessa del settore privato poiché occorre prepararsi a un bando pubblico con l’obiettivo di vincerlo.

Lavori e concorsi nella Pubblica Amministrazione

Lavorare nella Pubblica Amministrazione ha molti vantaggi che spesso non appartengono al settore privato, il posto di lavoro è sicuro e gli stipendi sono buoni e non soggetti a ritardi. Gli orari sono flessibili e i capi sicuramente meno nervosi e più gestibili. Vincere un bando di concorso pubblico equivale ad avere un posto sicuro e sicuramente una vita tranquilla, o almeno non caratterizzata dalle ansie tipiche dei dipendenti privati o degli autonomi.

Sicuramente prepararsi ad un posto pubblico è impegnativo, generalmente i concorrenti sono moltissimi e perciò la possibilità di superare le selezioni può essere un obiettivo difficile da raggiungere. Ma poiché la posta in gioco è alta, occorre armarsi di calma e sangue freddo.

Gli aspetti fondamentali da prendere in considerazione per prepararsi ad un bando pubblico sono racchiusi nei seguenti consigli:

  1. Verifica se possiedi il titolo di studio o professionale richiesto dal bando;
  2. Leggi il bando;
  3. Acquista il materiale per lo studio;
  4. Organizza lo studio;
  5. Mantieni l’ottimismo.

Per partecipare ad un concorso pubblico occorre possedere i seguenti requisiti generali: a) cittadinanza italiana; b) età non inferiore agli anni 18; c) idoneità fisica all’impiego; d) godimento dei diritti politici; d) assenza di cause ostative all’accesso.

Verifica se possiedi il titolo di studio o professionale richiesto dal bando

Oltre ai requisiti generali, il titolo richiesto è espressamente indicato dal bando. Occorre perciò verificare se il tuo diploma, o laurea, specializzazione o dottorato sia espressamente indicato nel bando. L’aspetto legato alla tipologia di concorso al quale si intende partecipare è importante, le tipologie di concorso sono diverse ed anche gli argomenti e le materie che andranno approfondite per concorrere.

Leggi il bando

Leggere attentamente il bando è fondamentale, poiché per ogni concorso c’è l’elenco dettagliato delle materie oggetto delle varie prove previste dal bando. Alcune materie, come ad esempio diritto amministrativo, diritto pubblico e pubblico impiego sono comuni per qualsiasi bando, altre sono specifiche per la competenza richiesta.

Acquista materiale per lo studio

Dopo aver verificato se hai i requisiti per accedere al bando, e aver visto quali saranno le materie oggetto di prova, il passo successivo sarà quello di acquistare i libri giusti. Sicuramente non dovranno mancare testi di diritto pubblico, diritto amministrativo e disciplina del pubblico impiego, materie che come abbiamo detto sono fondamentali per i bandi pubblici. Per la scelta dei libri è meglio scegliere testi specifici per concorsi, che puoi trovare sia nelle librerie che online. Esistono molti manuali con le materie comuni a tutti i profili e puoi anche trovare libri con i temi per le prove scritte negli enti. Comunque, per qualsiasi concorso troverai dei libri consigliati per ogni materia del bando. Per quanto riguarda le prove orali verifica se per il tuo concorso avrai una prova orale di informatica e di inglese, materie che sono comuni a molti concorsi.

Organizza lo studio

Dopo aver acquistato i libri giusti, la cosa più complicata da fare, soprattutto se hai smesso di studiare da un po’, sarà quella di organizzare lo studio. Poiché le materie sono tante, occorre organizzare una tabella di marcia per decidere cosa iniziare a studiare e quando. Per preparare la scaletta occorre verificare il tempo che hai a disposizione. L’uscita di un bando pubblico in genere ti permette di pianificare lo studio, e poiché il tempo che hai a disposizione per preparati è piuttosto lungo, in circa 5 o 6 mesi se pianifichi il tutto riesci ad organizzarti senza fare tutto all’ultimo, potrebbe esserestressante e rischieresti di non essere al massimo della forma il giorno della prova.

Mantieni l’ottimismo

L’ultimo consiglio, anche se può essere banale o qualunquista, è quello di mantenere il morale ad un alto livello. L’ottimismo è un talento che va coltivato perché studiare richiede perseveranza e coraggio, doti che si riveleranno preziose in qualsiasi ambito, e indipendentemente dalla tua competenza. Non dimenticare mai che il tempo dedicato allo studio non è mai perso e le cose che stai imparando ti serviranno comunque. Molte materie da studiare per i concorsi sono comuni e una volta che le hai studiate hai il tuo asso nella manica da giocarti per altri concorsi e offerte di lavoro.