Sul mercato odierno sono disponibili diversi tipi di legno massello per mobili (sia di latifoglie che di conifere). Ogni tipo è dotato di un diverso insieme di caratteristiche in termini di colore, densità, grana e finitura. Inoltre il legno si definisce massello in quanto viene ricavato dalla parte centrale di un albero che risulta molto più resistente rispetto a quella esterna. Premesso ciò, scegliere quello giusto per i mobili è tuttavia fondamentale in quanto aiuta a determinare il prezzo esatto di ogni singola unità e risulta anche decisivo quando si intende restaurare o rivendere, vista l’eccelsa qualità. Sebbene sia possibile utilizzare qualsiasi legno per realizzare mobili, non tutti i tipi sono uguali ed ecco perché è necessario sceglierlo con attenzione tra quello duro e tenero.

 

Le caratteristiche dei legni massello duri e teneri

 

Il legno massello duro come acero, quercia e noce proviene da angiosperme. Questi alberi perdono le foglie ogni anno (a foglia caduca o latifoglia) e man mano che crescono (lentamente), nel legno si creano delle fibre dure e dense. ll legno tenero deriva dalle gimnosperme ossia alberi sempreverdi come pino, abete rosso, cedro, e sequoia. Poiché la maggior parte tende ad essere meno densa degli alberi decidui, è più facile tagliarli. Inoltre crescono anche alti e dritti, rendendo più facile sagomare assi di legno lunghi e piatti.

 

I principali tipi di legni massello duri

 

ll mogano è uno degli alberi tropicali di legno duro più popolari per i mobili ed è apprezzato per la sua bellezza, durata e colore. Inoltre è relativamente privo di vuoti e tasche e la tonalità originale si scurisce nel tempo. Il colore va da bruno rossastro a rosso sangue, mentre per quanto riguarda gli usi si presta per realizzare mobili di fascia alta, lavori interni, porte esterne, finestre e finiture varie. Il noce è un altro dei legni massello più popolari per realizzare mobili. La stabilità dimensionale, le proprietà di resistenza e la ricca colorazione sono le ragioni della sua celebrità. Il colore in genere va dal marrone chiaro a quello scuro con striature anch’esse della tonalità marrone e più scure. Nel settore dell’ebanisteria si usa mobili di fascia alta, intaglio, accenti per pavimenti, strumenti musicali e calci per armi. Infine tra i legni massello duri ideali per realizzare mobili vale la pena citare l’acero che è per lo più originario dell'Asia, anche se è molto popolare anche in Europa, Nord Africa e Nord America. Il legno è robusto, resistente alla spaccatura e durevole. Inoltre può essere pulito con un panno umido, rendendolo ideale quindi per i mobili della cucina.

 

I principali tipi di legni massello teneri

 

I pini della specie Paranà sono originari dell'America meridionale, in particolare del Brasile. Il legno è privo di condotti di resina, tasche di pece e striature inoltre. Ha una maggiore resistenza al taglio e capacità di tenuta dei chiodi rispetto ad altri legni dolci. Tuttavia, tende a deformarsi durante l'essiccazione e la compressione. I pini bianchi orientali sono anch’essi ampiamente disponibili nel Nord America orientale e si tratta di specie legnose più pregiate. Tuttavia, è abbastanza poroso, pertanto, se assorbe l'umidità eccessiva, si appiattisce. L’abete rosso è un altro arbusto che permette di sfruttare il suo legno per svariate tipologie di mobili, infatti, si pialla e si modella bene, ha eccellenti capacità di inchiodatura e avvitamento e si presenta in genere di una tonalità che va dal bianco crema al giallo chiaro o al rosso-marrone. Per i lavori di ebanisteria questo legno si presta per la fresatura e la costruzione di cassapanche. a margine per concludere questa rapida carrellata dei legni teneri massello, vale la pena citare il cedro rosso che è notevolmente resistente sia alla decomposizione che all'attacco degli insetti. Inoltre è altamente aromatico e si pialla e si modella facilmente. Tuttavia, ha solo proprietà moderate di tenuta di viti e chiodi. Infine per quanto va detto che il colore tende al rosso o al viola-marrone mente a riguardo degli usi è ideale per realizzare rivestimenti di armadi, mobili da esterno, casette per uccelli, e piccoli oggetti intarsiati.