Per tutti gli amanti dell’aviazione e/o della fotografia, scattare foto e realizzare riprese video a bordo di un elicottero sono esperienze da dover assolutamente provare almeno una volta nella vita per riuscire anche ad immortalare su pellicola degli scorci da sogno.

Inoltre, sempre più spesso a fotografi e videomaker viene richiesto di realizzare delle riprese aeree magari per concludere un incarico particolare assegnato da un cliente.

Ma anche un semplice turista che decide di fare un giro sull’elicottero per ammirare la città dall’alto può decidere di scattare delle foto ricordo.

Qualunque sia la situazione, numerose sono le aziende che si occupano di noleggio di elicotteri che offrono questo servizio come HeliTour Naples, garantendo a tutti professionalità e precisione nel riuscire ad effettuare le tue riprese dall’alto: visita il sito www.helitournaples.it per richiedere informazioni.

Come scattare le foto in volo

Una volta noleggiato il velivolo, non resta altro da fare che salire a bordo ed essere pronti ad effettuare riprese incantevoli dall’alto, facendo attenzione ad alcuni accorgimenti.

Il primo suggerimento è quello di volare a porte aperte, se possibile.

Molte volte, infatti, i piloti sconsigliano di aprire le porte poiché in caso qualcosa andasse storto, la responsabilità cadrebbe su di loro, ma se si avesse la possibilità di farlo sarebbe indubbiamente meglio.

Scattare foto senza alcuna barriera è un grande vantaggio rispetto a scattare attraverso un vetro che abbassa la qualità dell’immagine.

Volare a porte aperte implica anche una maggiore attenzione; infatti, oltre alla solita imbracatura a quattro/cinque punti (ovvero una cintura addominale come in auto e due sulle spalle), si dovranno anche proteggere le varie attrezzature.

La fotocamera potrebbe essere messa al sicuro utilizzando le cinte di sicurezza dell’elicottero, fissate poi con le clip che si usano per l’arrampicata su roccia.

Per il resto dell’attrezzatura si può optare per un gilet da fotografo dotato di tasche per filtri e altro.

Il secondo consiglio consiste nell’osservare sempre le pale e i “piedi” dell’elicottero, poiché se presenti nella foto o nell’inquadratura, rovineranno tutto il lavoro.

Prima del decollo, è bene cercare di calcolare la lunghezza focale a disposizione prima che si vedano le lame.

L’approccio migliore per assicurarsi delle belle foto sarebbe scattare continuamente nel giro di pochi secondi, così da ottenere almeno una o due foto buone.

Cambiare gli obiettivi in volo è una manovra davvero complicata perché si rischia di far entrare della polvere all’interno del dispositivo; ecco perché è preferibile portare con sé due fotocamere con due obiettivi differenti, uno zoom quadrangolare e un teleobiettivo.

Questo perché volando sull’elicottero non ci si potrà avvicinare fisicamente ad un oggetto e, inoltre, non si ha la possibilità di conoscere prima di salire a bordo, l’angolo massimo prima che le pale comincino a comparire nella traiettoria.

Comunicare e stupire il pubblico

Come già saprete, la comunicazione è fondamentale nella vita, così come quando si deve fotografare dall’elicottero.

È importante comunicare prima di partire le proprie intenzioni al pilota, in modo da fargli sapere dove dovrà fermarsi per più tempo per permettere di scattare e dove invece non dovrà farlo.

Certo, a bordo del mezzo, di solito, si ha in dotazione una cuffia per silenziare motore e rotore e per parlare con i membri dell’equipaggio, ma è sempre meglio accordarsi sulla terraferma e non durante il viaggio.

A volte, per far capire a chi vedrà le foto dove sono state scattate, potrebbe essere una buona idea includere nello scatto anche parte dell’interno dell’elicottero.

Per il pubblico potrebbe essere un punto di vista davvero emozionante, dal momento che la maggior parte delle persone non ha mai visto la cabina interna di un elicottero.

Dopo questa serie di consigli da mettere in pratica, vogliamo concludere con quello più importante, su cui non si può scherzare. Non bisognerebbe mai fare qualcosa di pericoloso che può mettere a rischio la propria vita.

È fondamentale, quindi, evitare di replicare gesti spavaldi come quello di appendersi fuori dall’elicottero solo per scattare, soprattutto se non si è esperti.

Anche quando ci si sporge dal guscio protettivo del mezzo o quando si mette l’obiettivo fuori dal finestrino, si deve sempre fare a meno di arrivare troppo al di fuori, dove l’afflusso dell’aria danneggia le foto e la vita del fotografo.