Durante il lockdown hai trascorso ore e ore su Netflix? Oppure invidi i tuoi amici che possono guardare tutte le tv in streaming senza alcun limite? Ecco, sappi che puoi farlo anche tu. Come? Te lo spieghiamo in questo approfondimento.

Usare le VPN

Questa è una tecnica usata principalmente per chi viaggia all’estero. O, perlomeno, in paesi dove alcuni canali e piattaforme, come appunto Netflix, sono bloccate.

Nonostante, infatti, il colosso americano abbia raggiunto quasi 200 milioni di abbonati in tutto il mondo. Immagina, ad esempio, che oltre ‘3 Italie’ si siano abbonate. Difficile da immaginare, vero? Eppure è così.

Come vedremo tra poco, le migliori VPN per Netflix sono molte, tutte estremamente valide e sicure. La differenza sostanziale sta nel prezzo, quantità di server e connessioni in simultanea.

Analizziamole insieme:

  • Prezzo. Un vecchio detto dice che il risparmio non è mai guadagno. Ebbene, per le VPN è proprio così. Infatti, quando vuoi prendere una VPN, l’ultima cosa a cui devi pensare è il prezzo. Più il prezzo sale, più vuol dire che la tua privacy è al sicuro. Che è sicuramente più veloce e offre anche un’assistenza migliore. Perché, vero è che deve andare tutto bene ma, soprattutto per gli aspetti tecnologici, non è sempre detto che tutto fili liscio come l’olio. Insomma, spendi qualcosina in più e non te ne pentirai.
  • Quantità di server. Più server ci sono, più hai possibilità di vedere le tv senza limiti, Netflix compreso. Immagina i server come delle possibilità: se ne hai poche, rischi di poterti connettere solo a quelli che sono sovraccarichi. Rischiando, quindi, che ogni tot minuti tu debba aspettare il buffer. Una bella seccatura, che puoi evitare semplicemente controllando quanti server mette a disposizione quella VPN.
  • Connessioni in simultanea. Quante connessione riesce a reggere in simultanea quella VPN? Ricorda che non sei solo tu a collegarti e, quindi, devi cercare di capire quanto regge. Se regge il dovuto, allora è una buona VPN.

Siti web

Il secondo suggerimento per vedere Netflix e la tv senza limiti è sfruttare qualche sito internet. Attenzione, però: non vogliamo incentivare l’illegalità e, infatti, parliamo soltanto di siti che ti possano, nel rispetto della legge, far vedere ciò che cerchi. Quindi, a differenza del paragrafo successivo, parleremo dei canali tv in streaming.

Di solito, molti canali, a fronte di un pagamento di un canone ti fanno vedere la tv in streaming quando e dove vuoi. Nella migliore delle ipotesi, però, potresti trovare siti che si ‘accontentano’ di una registrazione, in modo da poter, poi, attivare delle strategie di marketing nei tuoi confronti.

Non sempre, infatti, i soldi siano più importanti dei dati. In ogni caso, però, ti consigliamo di non andare in quei siti che trasmettono illegalmente perché la violazione del copyright è severamente punita. A pagare, infatti, non è soltanto il sito che lo ospita. Ma anche il cliente che vuole approfittare di un servizio che, in teoria, avrebbe dovuto pagare può passare dei guai seri

Condividere l’account

Qui riguarda in particolare Netflix. Ma partiamo dalle base. Non esiste un unico abbonamento a Netflix. Ma puoi scegliere tra tre opzioni: BaseStandard e Premium. In base alla scelta che farai, potranno entrare nella piattaforma uno o più account. O, meglio, potrai condividere l’account con un’altra persona. Ovviamente, in questo modo, risparmierai un bel po’ di soldi e non avrai il problema di chi vuol vedere un telefilm e chi una soap opera. Amici, parenti, coinquilini: non fa alcuna differenza. Certo, ci sarebbero delle voci per cui Netflix vorrebbe limitare l’(ab)uso che è stato fatto ma, per ora, tutto resta com’è. Si parla che ci vorrebbe un rapporto familiare per poter condividere l’account. Ma vedremo.

Ma come dividere il costo? Ecco alcuni passaggi per farlo in breve tempo:

  1. Trovare due o più persone che vogliano farlo (può essere anche un familiare e un amico, volendo);
  2. Valutare quale piano prendere: se Premium o Standard (in quest’ultimo caso le persone scendono di numero);
  3. Fare un fisso mensile, in modo da non contare il minuto per chi usa più o meno Netflix;
  4. Sfruttare uno dei modi più comodi: cioè pagare direttamente la quota annuale e, quindi, poi ogni 12 mesi fare il rinnovo. La cifra a persona, se arrivi al massimo delle persone che comprendono il piano Premium, è inferiore ai 50€. Meno di 5€ al mese, per intenderci.
  5. E se non hai persone appassionate di Netflix? Niente panico. Ci sono diversi mezzi per scovare qualche interessato che, probabilmente, non si farà sfuggire questa occasione. Puoi andare, magari, su qualche sito specifico o su qualche forum in cui si cercano, appunto, persone che condividano l’account Netflix. Oppure, poter sfruttare Facebook o Instagram: magari da un annuncio può nascere anche una bella amicizia!