Secondo una recente indagine è stato appurato che il 26% della popolazione soffre di disturbi muscolo-scheletrici e coloro che sono maggiormente colpiti da questa patologia (è stato comprovato che si tratti proprio di una malattia e non di un sintomo della malattia) sono gli anziani, la popolazione con basso reddito e le donne.

Si tratta di una malattia sempre più diffusa e il principale sintomo che si manifesta è proprio il dolore che può essere avvertito sia nella parte superiore o inferiore della schiena, oppure interessare altre zone come le articolazioni, il collo, la parte bassa del capo e perfino il ginocchio.

Quali sono le cause dei disturbi muscolo-scheletrici

Non esiste soltanto una causa, ma dietro a questo disagio si possono nascondere molteplici motivazioni:

  • artrosi o artrite,
  • disturbi del disco intervertebrale,
  • dolori alle spalle e al collo,
  • lombalgie.

Qualsiasi sia la causa, l’entità del disturbo può essere di due tipi:

  • acuta: per esempio il corpo non è capace di sostenere carichi pesanti, come il “sollevare un peso improvviso” ed ecco che potrebbe insorgere il cosiddetto “colpo della strega”;
  • cronica: riguarda un sovraccarico dovuto ad azioni ripetute spessissime volte causate per ragioni lavorative o sportive. Infatti, non a caso molte volte si sente parlare di tunnel carpale dell’impiegato o pubalgia nel calciatore.

A prescindere dal tipo di problema, dunque, bisogna quanto prima prendere dei seri provvedimenti per poter risolvere o quanto meno alleviare i sintomi causati da questi disagi.

Ci sono molti centri di riabilitazione che si pongono come obiettivo quello di migliorare la qualità di vita del paziente attraverso trattamenti fisioterapici mirati e personalizzati.

Tra i tanti a disposizione, ad oggi esiste un nuovo ed innovativo trattamento di fisioterapia appositamente studiato da un team di esperti,  per tutti coloro che hanno subito traumi o sono affetti da patologie a carico dell’apparato muscolo scheletrico, mettendo a disposizione un apposito portale www.doloreaddio.it, sul quale sarà possibile prenotare facilmente la visita.

Dolore addio è molto più che un semplice trattamento

Questo nuovo trattamento è nato grazie all’integrazione di nuove evidenze scientifiche e tecniche messe a disposizione dei pazienti: persone di diverse età con comprovati problemi e dolori neuro-muscolo-scheletrico, si sono messi a disposizione dello studio permettendo così di dare origine a questo nuovo trattamento di fisioterapia.

Chi presenta un dolore causato da traumi, errori posturali, o patologie pregresse, può rivolgersi ad uno dei nostri specialisti il quale, una volta appurata la causa, metterà in atto tutte quelle tecniche necessarie per far sì che il dolore si possa attenuare o scomparire.

Inoltre, dal momento che ci troviamo a vivere un momento storico particolare per via della pandemia da Coronavirus, prenotare una visita sarà facilissimo: vi basterà collegarvi al portale www.doloreaddio.it e con semplice click riuscirete ad ottenere il vostro appuntamento.

In aggiunta, se è stato preso l’appuntamento ma poi non è possibile recarsi in sede per svariate ragioni, basterà andare direttamente nell’area riservata, ed ecco che in pochissimi secondi si potrà disdire e fissare un altro colloquio.

Durante la prima visita il fisioterapista analizzerà in dettaglio la propria problematica, per questo è necessario portare con sé tutta la documentazione clinica eseguita in precedenza in modo tale da poter impostare un programma riabilitativo personalizzato.

Perché rivolgersi a Dolore addio

Le motivazioni possono essere tante, sicuramente leggendo le varie recensioni di ex pazienti possiamo confermare che nella maggior parte dei casi la problematica viene risolta, oltretutto il team è composto da dottori fisioterapisti specializzati che vantano una lunga esperienza nel campo.

Senza dimenticare che il percorso riabilitativo viene effettuato in base alle esigenze di tempo del paziente nonché tenendo conto della sua persona.

Risulta quindi chiaro che per risolvere quanto prima la problematica, è bene prenotare la propria visita il prima possibile senza dover attendere oltre.