Per i prossimi mesi del 2021 l’Agenzia delle Entrate ha fissato le linee guida relative alla proprie attività definendo alcune priorità come quelle che sono legate alla velocizzazione dei rimborsi fiscali. Così come il Fisco, tra l’altro, promette pure servizi sempre più agili ed anche un contestuale rafforzamento delle attività legate a prevenire ed a contrastare gli illeciti fiscali con focus, in particolare, sulla fruizione indebita degli aiuti economici e sulle false compensazioni.

Le linee guida per l’attività del 2021 del Fisco, in particolare, sono contenute nella Circolare numero 4/E 2021 dell’Agenzia delle Entrate con la firma che è stata apposta da parte del direttore Ernesto Maria Ruffini. Tutte le linee guida che sono state fissate dal Fisco, per la propria attività nei prossimi mesi del corrente anno, tengono conto sia delle criticità legate alla pandemia di Covid-19, sia della compliance attraverso un rafforzamento del dialogo con il contribuente. E questo, tra l’altro, anche al fine di avvertire i contribuenti sempre in tempo in caso di presenza di eventuali anomalie o di errori collegati e correlati agli adempimenti fiscali.

Massima priorità del Fisco ai rimborsi fiscali ai cittadini ed alle imprese

Tra le linee guida, come sopra accennato, il Fisco punta a garantire liquidità ai cittadini ed alle imprese in questa situazione ancora emergenziale a causa del Covid-19. E per questo per l’erogazione dei rimborsi fiscali, tra l’altro, farà leva su nuove modalità a distanza di interlocuzione e di assistenza. In questo modo per tutte quelle attività per le quali non è richiesta la presenza del contribuente presso gli uffici dell’Agenzia delle Entrate, la gestione e la liquidazione delle istanze di rimborso fiscale tenderà ad essere sempre più agile.

Al riguardo, non a caso, il Fisco ha reso noto che proprio nel corso del 2021 andrà a regime, tra i servizi telematici che sono messi a disposizione dall’Agenzia delle Entrate, quello che è denominato ‘Consegna documenti‘. Si tratta, nello specifico, di un servizio che permette al contribuente abilitato di consegnare in formato digitale istanze e documenti di propria iniziativa oppure su richiesta da parte del Fisco. Ed il tutto con la garanzia per il contribuente di acquisire per i documenti presentati la ricevuta di avvenuta protocollazione.

Per imprimere un’ulteriore accelerazione sui rimborsi fiscali, il Fisco nei prossimi mesi chiederà inoltre agli uffici dell’Agenzia delle Entrate un maggiore impegno con il contestuale monitoraggio dei risultati che saranno raggiunti. Così come, per velocizzare le erogazioni, l’Agenzia delle Entrate continuerà ad agevolare l’invio dei documenti tramite la PEC, la posta elettronica e la raccomandata postale.

Nuovo modello di accoglienza e novità dell’Agenzia delle Entrate in fase di sperimentazione

Il 2021 per il Fisco sarà anche l’anno in corrispondenza del quale si andrà a completare il nuovo modello di accoglienza che porterà alla richiesta della presenza fisica del contribuente allo sportello solo in caso di urgenze o di situazioni non procrastinabili con la valutazione che avverrà di volta in volta. Contestualmente, fermo restando che sulle tematiche fiscali resterà come sempre attivo il servizio di assistenza telefonica dell’Agenzia delle Entrate, il Fisco sta sperimentando pure nuove modalità di video-appuntamento ed anche il cosiddetto servizio di pre-chiamata al fine di ottimizzare l’accesso agli uffici dell’Agenzia delle Entrate per chi ha prenotato un appuntamento.

Lotta all’evasione con priorità contro i soggetti ad elevata pericolosità fiscale.

Per quel che riguarda infine il contrasto all’evasione fiscale, l’attività del Fisco è stata pianificata in relazione ai grandi contribuenti, alle piccole e medie imprese, ai professionisti ed agli autonomi. Con focus e con la massima priorità, in particolare, nei confronti di tutti quei soggetti che, in base ai dati ed alle informazioni a disposizione del Fisco, sono ritenuti ad elevata pericolosità fiscale.