Scegliere un materasso non è affatto semplice. Sono infatti disponibili oggi in commercio decine e decine di modelli che si differenziano per i materiali utilizzati e per il tipo di sostegno che garantiscono. Andiamo insieme a scoprire i migliori materiali, il sostegno più adatto per mantenere una corretta postura, lo spessore, le soluzioni più moderne su come arredare una camera da letto e molte altre caratteristiche che è bene prendere in considerazione al momento dell’acquisto.

Come scegliere un materasso: materiali

Un materasso di qualità deve garantire un valido sostegno. Deve trattarsi cioè di un materasso con non cede e non si avvalla sotto al peso del corpo. Un buon materasso deve poi favorire una corretta distribuzione del peso e allo stesso tempo un’adeguata risposta elastica. Solo se è capace di garantire tutto questo, il materasso può compensare in modo corretto le sollecitazioni causate dal peso del corpo e far sì che una corretta postura sia mantenuta durante tutto il riposo notturno.

I materassi che meglio degli altri riescono a rispondere a queste caratteristiche, sono i materassi realizzati in memory foam come quelli che è possibile scoprire sul sito www.emma-materasso.it. Il memory foam è un materiale che è stato messo a punto dalla Nasa per le tute degli astronauti e per i sedili, in modo da garantire loro un comfort eccellente. Con il passare del tempo la schiuma a memoria lenta è stata utilizzata anche nel settore dei materassi perché si tratta di un materiale che si automodella in base alla silhouette del corpo. Avvolge il corpo ma allo stesso tempo offre un valido sostegno in modo che non si vengano a creare zone di pressione. Il rilassamento muscolare è favorito e dato che non ci sono zone di pressione ecco che è anche impossibile incorrere in dolori e fastidi di alcun genere. La colonna mantiene una corretta posturae schiena e collo sono allineati alla perfezione.

I materassi a molle sono stati soppiantati del tutto dai materassi in memory. Le molle però sopravvivono in alcuni modelli ibridi. Si tratta di materassi che hanno vari strati in schiuma memory foam, più uno strato a molle insacchettate. Permettono di ottenere una portanza un po’ più sostenuta e sono senza dubbio una valida scelta per le persone di corporatura più robusta.

Altre caratteristiche da prendere in considerazione al momento della scelta

Il materiale non è di certo l’unico elemento da prendere in considerazione al momento della scelta. È fondamentale anche considerare altri aspetti, quali:

  • Dimensioni della rete. È fondamentale che il materasso sia scelto in una dimensione idonea alla rete su cui deve essere poggiato. Non deve infatti essere né più grande né più piccolo rispetto alla rete. Deve insomma calzare alla perfezione.
  • Traspirabilità. Alcuni materassi in memory hanno uno strato a celle aperte nella parte superiore, strato che favorisce la massima traspirabilità. Si tratta di un dettaglio importante. Se il materasso è traspirabile, ecco che la pelle resta fresca e asciutta. Inoltre il materasso non va incontro ai danni che l’umidità in eccesso potrebbe comportare.
  • Rivestimento sfoderabile. È importante controllare che il materasso sia in possesso di un rivestimento esterno sfoderabile e lavabile in lavatrice. In questo modo è infatti possibile garantire pulizia e igiene.
  • Spessore. I materassi con un spessore da 20 a 25 cm sono da considerarsi come i migliori in assoluto. Risultano però anche piuttosto morbidi. Coloro che desiderano ottenere un supporto più rigido dovrebbero optare per materassi di minore spessore, circa 18 cm.

Come scegliere un materasso: singolo o matrimoniale?

Molte persone credono che il materasso singolo sia la scelta ideale solo ed esclusivamente per le reti singole, per i letti dei bambini e dei ragazzi quindi. In realtà non è esattamente così che stanno le cose. Sui letti matrimoniali è infatti possibile scegliere d’inserire sia un materasso matrimoniale che un materasso singolo. Qual è la scelta migliore? In realtà non c’è una scelta migliore dell’altra, si tratta infatti di qualcosa di molto soggettivo.

Il materasso matrimoniale permette di ottenere un piano omogeneo. Proprio per questo motivo si tratta della scelta in teoria migliore. È anche vero però che per le operazioni di pulizia e igiene del materasso è necessario essere in due. Difficile che una persona da sola riesca nell’impresa! Non solo, è infatti importante ricordare che alcune reti matrimoniali possono in realtà essere divise in due reti singole, collegate tra loro, entrambe in possesso di un movimento elettrico alza-testa e alza-piedi. In questo caso ovviamente scegliere due materassi singoli è d’obbligo.