Per molti è difficile capire il fascino dei diamanti. Dopo tutto, si tratta di una roccia priva di personalità e con poca bellezza o scintillio rispetto alle altre pietre preziose che si possono acquistare.

Ma c’è qualcosa di speciale nell’avere il proprio pezzo personale, un ricordo che durerà per sempre.

Non ci vuole poi molto al giorno d’oggi: si può trovare un diamante quando si vuole, purché sia garantito da appositi diamanti certificati rilasciati da negozi specializzati come Gioielleria Residori, che attestano le caratteristiche eccezionali di questa gemma e conferma che si tratta di una pietra di alta qualità.

Come acquistare in sicurezza i diamanti

diamanti-certificati

Per essere sicuri di acquistare diamanti in tutta sicurezza, è importante ricordare che il Rapaport è l’unico listino prezzi valido.

Esistono quotazioni ufficiali e tariffe per le consultazioni e ciò perché non esiste una regolamentazione delle pietre preziose come invece accade per l’oro o l’argento.

Inoltre, è fondamentale assicurarsi che il diamante acquistato abbia una certificazione riconosciuta a livello internazionale.

Questi certificati riassumono caratteristiche chiave come il taglio, il colore, la purezza e la fluorescenza, in modo che gli acquirenti sappiano a cosa vanno incontro quando acquistano una pietra preziosa o gioielli donna da qualsiasi parte del mondo e rilasciati solo dopo accurati test.

Cosa si intende per diamanti certificati

Come affermato, affinché un diamante sia ritenuto di prestigio, occorre che ne venga riconosciuto il valore attraverso appositi certificati.

Questi certificati gemmologici sono un importante identificativo per i diamanti; rappresentano la carta d’identità di qualsiasi pietra preziosa e possono contribuire a determinarne il valore di mercato in un mondo come quello odierno, in cui sono in atto numerose frodi con pietre artificiali create per sembrare autentiche.

I diamanti certificati devono sempre essere accompagnati da questo tipo di documento, che ne verifichi la qualità in qualsiasi momento.

Ciò consente a chi intende acquistarli di verificare il valore di ciascuna pietra in base alle sue caratteristiche e di collocarla in una scala di valutazione adeguata.

Per scoprire se un diamante è naturale o sintetico, è necessario uno strumento in grado di distinguere le due nature.

Per farlo non basta l’occhio o la sensazione di differenze di calore su entrambi i lati di un oggetto, ma occorrono apparecchiature sofisticate come i microscopi elettronici a scansione.

Il certificato che ne consegue conterrà tutte le misure quantitative (dimensioni e peso) e i dati qualitativi su come ogni singola pietra sia esattamente all’altezza delle affermazioni fatte, in modo che gli acquirenti sappiano a che tipo di esperienza vanno incontro prima di impegnarsi finanziariamente.

Per garantire i massimi livelli di qualità e sicurezza, un certificatore di diamanti deve essere altamente qualificato, possedere una profonda conoscenza della gemmologia, tenersi aggiornato sulle ultime novità scientifiche e avere a portata di mano tutti gli strumenti per un’analisi approfondita.

diamanti-certificati

Quali sono le caratteristiche principali di un diamante certificato

Un diamante certificato presenterà quindi delle caratteristiche fondamentali che saranno riportate in questi documenti e che sono state stabilite dopo esami opportuni.

Tra queste, vi sono:

  • taglio (forma),
  • trattamento;
  • peso, detto anche “carato”,
  • colore,
  • chiarezza,
  • dimensione, misurata in base al grado o alle direzioni in cui si estende su un bordo,
  • valutazione della lucidatura, ovvero se presenta una finitura estremamente liscia,
  • grafico della pietra,
  • fluorescenza,
  • numero del certificato,
  • commenti.

I diamanti certificati non implicano un sovrapprezzo a causa del loro alto valore e della loro certificazione.

Una conferma della valutazione può essere richiesta quando il diamante viene rivenduto, ma è importante che conosciate tutte le opzioni prima di venderlo, poiché ci sono molti tipi diversi di certificazioni disponibili, dal momento che non esiste ancora un unico criterio valutativo valido a livello internazionale che accomuni tutti i certificati.

I miti da sfatare sui diamanti

A differenza di ciò che si pensa, avere un diamante certificato aiuta a sfatare alcuni miti, primo fra tutti, che sia indistruttibile: in realtà nonostante sia tra i materiali più duri presenti in natura, può graffiarsi se entra in contatto con un altro diamante e alcune parti come i bordi possono addirittura scheggiarsi.

Inoltre, non è vero che sono sempre più rari: il prezzo di un diamante dipende in larga misura da quanto le persone sono disposte a pagare per averlo, per questo se non ci sono molti acquirenti, le società minerarie rallentano la produzione e aspettano che la domanda aumenti di nuovo prima di mettere in vendita altre pietre, cosa che è successa negli ultimi anni.