Coniato per la prima volta nel 1912 dallo psicologo americano William Stern, il quoziente o coefficiente intellettivo (QI) è un valore comunemente associato al livello di intelligenza , risultato di una serie di test psicologici. Un QI elevato può essere attraente a livello accademico e lavorativo, motivo per cui i cosiddetti test di intelligenza sono sempre più diffusiTuttavia, sappiamo nello specifico come funzionano?

Alfred Binet, creatore di test di intelligenza

 

Alfred Binet (1857-1911) , psicologo francese, nato a Nizza, studiò legge, sebbene la sua attenzione fosse rivolta più alla medicina e alla psicologia. Il suo lavoro più importante si è concentrato appunto sulla misurazione dell’intelligenza, progettando, insieme al suo collega Théodore Simon, un test per la misurazione della capacità mentale nei bambini, la scala Binet-Simon apparsa per la prima volta nel 1905.

Binet ha scoperto che l’intelligenza non può essere valutata misurando attributi fisici come la dimensione del cranio, la forza con cui si stringe quando si fa un pugno ma ci sono ben altri fattori più importanti da prendere in considerazione. Ha quindi rifiutato il metodo biometrico sostenuto da Sir Francis Galton , proponendo invece un metodo di esecuzione in cui l’intelligenza è stata calcolata sulla base di compiti che richiedevano comprensione , abilità aritmetica, padronanza del vocabolario e che andassero al di là delle componenti fisiche.

I primi test, come accennato in precedenza, relativi al concetto di quoziente o QI furono quelli di Binet e Simon nel 1905, il cui obiettivo era identificare quali bambini avrebbero avuto bisogno di un’educazione speciale a causa della loro scarsa intelligenza.

Il test Binet confrontava il punteggio di ogni bambino con la media ottenuta da quelli di una certa età, considerata l’età mentale del soggetto. Dividendo l’età mentale per l’effettiva età cronologica del soggetto si è ottenuto un quoziente per effettuare il calcolo. Ad esempio, se un bambino di 10 anni aveva il punteggio medio di un bambino di 11 anni, la sua età mentale sarebbe 11 e il suo QI sarebbe 11/10 = 1,1, che in percentuale sarebbe 110.

Come calcolare intelligenza - Non sprecare

Non valido per adulti?

Sebbene il concetto non sia applicabile agli adulti, poiché l’età mentale cessa di avere senso, vengono mantenute una scala simile e una procedura di misurazione comparativa: 100 è la media o la media dei punteggi della fascia di età simile al soggetto, essere al di sopra di coloro che ottengono punteggi più alti (ad esempio, coloro che sono nell’1% più ricco della popolazione sarebbero sopra i 145 punti), e al di sotto di quelli al di sotto della media. Consideriamo che la normalità inizia più o meno a 70 e coloro che sono al di sotto di questa soglia si ritiene che soffrano di gravi deficit intellettivi.

Come posso misurare il mio QI?

Il sito Web di confronto QI  ti consente di portare i risultati dei tuoi test SAT a un QI medio. È un risultato approssimativo, ma generalmente corretto .

Puoi anche fare un test di intelligenza sul portale IQ Test. Sono relativamente precisi e ampiamente utilizzati. In essi verrà valutato il tuo livello di logica, ragionamento e percezione spaziale. Una volta completato il test, il sito annuncerà il tuo valore di QI.

Un’altra opzione per calcolare il tuo QI in modo più accurato è fare domanda per un posto in una società come la Mensa International i cui soci rientrano nel 2% della popolazione mondiale con il QI più alto. Puoi iscriverti e fare un test attitudinale per misurare il tuo QI. La struttura è molto simile a quella dei siti web.